Eventi

19 Giugno 2016

Festival degli aquiloni 2016

Si è svolta quest'anno la quarta edizione della manifestazione intitolata: "Bergamo vola", festival degli aquiloni dei Servizi per l'Infanzia e la Genitorialità del Comune di Bergamo, organizzato dal Consorzio Solco Città Aperta, in collaborazione con HG80 Impresa Sociale e con La città Leggera e la partecipazione di alcune associazioni benefiche tra cui Amici della Pediatria.

Nonostante il tempo, che proprio nei due giorni della manifestazione ha fatto un po' le bizze, la partecipazione è stata molto numerosa; in Ostello abbiamo ospitato alcuni tra i più noti costruttori di aquiloni, tra cui un signore inglese di Bristol, che ci ha anche offerto un'immagine di esempio delle sue creazioni; angioletti di carta leggerissima e colorata che riempiono il cielo: un vero spettacolo.

09 Aprile 2016

Festa della "Bella Primavera in Agris"

Anche quest'anno ha avuto luogo nei locali dell'Ostello la Festa per celebrare l'inizio della Primavera; un gruppo di ragazzi/ragazze delle classi di catechismo della Parrocchia di Colognola è venuto accompagnato dalle catechiste e dai sacerdoti e ha sostato nella chiesetta di San Sisto in Agris, adiacente all'Ostello, per un breve momento di preghiera di ringraziamento per la creazione. Successivamente tutti i bambini/e si sono spostati nella Corte dei rododendri per la preparazione di alcuni cartelloni; quindi sono andati in giardino, dove, aiutati dai genitori, hanno piantano alcuni alberi (carpini, farnie, olmi).

La festa si è conclusa nella Corte con un ricco spuntino naturale.   

            

 

04 Aprile 2016

Festa Calciatori svedesi

Un gruppo di calciatori svedesi (tra loro anche alcune ragazze) è venuto a Bergamo per contatti con i pari grado locali; hanno approfittato per qualche giorno di relax, ed anche per qualche ora di allenamento presso il campo dell'Oratorio.

Provengono da Vastra Karup, una cittadina  di circa 600 abitanti vicino al mare, lo stretto Kattegat, estremo sud della Svezia.

Eccoli davanti all’Ostello, con una vista della chiesa del loro paese.

 

          

 

01 Aprile 2016

Oratorio di Cerro

Un altro Oratorio ha scelto la cornice del San Sisto Hostel per far alloggiare un gruppo di ragazzi in ritiro in vista della Pasqua; si tratta dell'Oratorio di Cerro, che ha portato una quindicina di bambini e bambine, accompagnati dai loro catechisti.

Dopo un momento di preghiera nella chiesa di San Sisto in Agris, si sono spostati nei locali dell'Ostello e dell'Oratorio per le loro attività.

 

 

17 Febbraio 2016

Oratorio di Sant'Anna

Sempre nel mese di Gennaio, alcuni ragazzi dell'Oratorio di Sant'Anna sono stati nostri ospiti; si tratta di quelli che stanno facendo la preparazione al Sacramento della Confermazione: sono venuti all'Ostello per il loro ritiro, accompagnati dal loro don, don Daniele Plebani, e dai catechisti.

Hanno dormito e fatto colazione qui, poi si sono trasferiti all'Oratorio di Colognola per le loro attività, ed infine, di ritorno all'Ostello, hanno concluso la giornata con la Santa Messa, celebrata da don Daniele nella chiesina di S.Sisto in Agris.

Sono tornati a casa con i loro genitori, venuti a prenderli, davvero contenti.

        

 

     

 

 17 Febbraio 2016

Festa di Sant'Antonio Abate

E' stato un mese intenso di eventi quello appena trascorso all'Ostello: il 17 Gennaio si è celebrata la festa di S. Antonio Abate, che ha portato qui tanta gente per la recita dei Vespri e la benedizione degli animali e del sale; in chiesa erano parecchi i cagnolini accovacciati sotto i banchi e in perfetto silenzio, che, però, appena fuori si sono scatenati, insieme con i bambini, che si sono divertiti a salire sul calesse, trainato da 4 splendidi cavalli, parcheggiato sul sagrato della chiesa.

               

 

     

 

21 Novembre 2015

Primo Anniversario di apertura dell'Ostello

La settimana di eventi naturalistici "La natura dietro l'angolo", per il primo anniversario di apertura di San Sisto Hostel si è svolta, per lo più, nel complesso di San Sisto in Agris, a cominciare dalla presentazione del volume: San Sisto in Agris - Storia, cultura, natura e fede, curato dalla Parrocchia di Colognola e ideato per raccontare le varie tappe del restauro della Chiesa di San Sisto in Agris, prima Parrocchiale di Colognola, e della ex Canonica annessa, ora diventata Ostello della gioventù.

Durante la presentazione, dopo una breve introduzione del Parroco, don Francesco Poli, il prof. Francesco Benigni ha illustrato le varie parti di cui si compone il libro, che mette in evidenza le diverse fasi della costruzione e modificazione della Chiesa secondo le esigenze dei tempi.

Un altro evento che ha caratterizzato l'intera settimana è la Mostra fotografica a cura di due fotografi naturalisti (Matteo Capelli e Alberto Carati), avente come soggetto una ventina di foto di uccelli e altri animali della realtà bergamasca.

Molto successo ha avuto, poi, l'intervento dell'ornitologo naturalista Roberto Ostellino, che, oltre ad un intervento sulla vita e le abitudini della fauna ornitologica bergamasca, ha svolto due lezioni ai bambini delle classi 5A e 5B della scuola elementare Calvino, cercando di spiegare loro come si riconoscono gli uccelli guardando le impronte, quali uccelli si trovano nelle nostre campagne, quali sono le loro caratteristiche, che cosa mangiano.

I bambini si sono interessati molto anche al "capanno", che avrà carattere permanente, realizzato nel giardino interno dell'Ostello per l'osservazione degli uccelli, con canne di bambù e piccole mangiatoie colorate per il mangime.

La settimana è terminata presso la Casa della Comunità con un'interessantissima conferenza dal titolo "Sulle tracce del lupo", tenuta dal guardaparco Luca Giunti, del Parco Naturale Alpi Cozie.

Egli ha descritto in modo molto chiaro e dettagliato le abitudini del lupo, i luoghi italiani in cui vive e come è possibile farne avvistamenti.

A conclusione della meravigliosa esperienza di tutta la settimana, vogliamo mostrare un piccolo campionario di immagini, che hanno caratterizzato i vari eventi, alcune dei bambini delle classi quinte elementari del quartiere, che hanno partecipato ai laboratori dell'ornitologo naturalista, evidenziando che è possibile vedere qui sotto le brevi relazioni che i bambini hanno predisposto a conclusione della loro esperienza.

Una copia dei lavori dei bambini sarà conservata anche in Ostello, a ricordo dell'impegno e dell'interesse che essi hanno mostrato per il tema della natura.

Per le relazioni clicca qui:        5A - 1      5A - 2     5A - 3     5A - 4      5A - 5      5A - 6     5A - 7     5A - 8

                                                      5B - 1     5B - 2     5B - 3      5B - 4     5B - 5

 

           

 

              

 

        

 

 

      

 

 

    

30 Agosto 2015

Folklore polacco all'ostello

Il gruppo folk "Città di Zywiec" (regione di Beskids - Polonia) ha soggiornato per una settimana in Ostello, per partecipare alla 33° edizione del Festival internazionale del folklore e delle tradizioni, organizzato dal Ducato di Piazza Pontida; erano ragazzi e ragazze dai tredici ai venticinque anni (insieme con i loro accompagnatori adulti), che hanno portato tanta allegria e voglia di divertimento e ci hanno fatto conoscere i loro tradizionali costumi.

Bergamo è stata la prima tappa del loro tour (alla partenza si sono diretti a Clermont-Ferrand, prima del rientro in Polonia), durante il quale si sono esibiti in canti e danze tipiche della tradizione polacca.

Li ringraziamo per aver rallegrato l'atmosfera dell'Ostello, li salutiamo e speriamo che possano in futuro essere ancora nostri ospiti.

Eccoli nei loro bellissimi costumi e in un momento di relax, di ritorno da una passeggiata in bicicletta.

 

           

           

           

 

20 Luglio 2015

Enciclica Laudato si'

Si è svolto il giorno 09.07.2015, presso la chiesa di San Sisto in Agris, il Seminario di studio avente come tema la recente Enciclica di Papa Francesco "Laudato si'", organizzato dal CEA, Centro di Etica Ambientale, per riflettere in modo critico sugli elementi fondanti del documento (stato di crisi della terra, responsabilità umane, politiche ed economiche, possibilità di Ri - Abitare la terra).

Ha aperto i lavori don Francesco Poli, Presidente CEA, che ha sottolineato come,  in questa nuova Enciclica, il Papa abbia saputo mettere in evidenza il legame tra l'ambiente e i governi locali e globali: il lavoro deve tornare al suo valore sacro, deve rappresentare un servizio per l'uomo, per far sì che tutti, anche i più poveri, possano comperare il cibo per vivere.

I riferimenti a San Francesco, ha detto don Francesco, sono frequenti e volti a riportare gli uomini e la Chiesa sulla via indicata dal Santo di Assisi, verso una maggior sobrietà e solidarietà; l'uomo, causa primaria della crisi ambientale, è comunque al centro della creazione, come custode e responsabile dell'ambiente, nei confronti di tutte le creature affidategli.

Ha preso, poi, la parola il professor Luciano Valle, direttore scientifico CEA: egli ha sottolineato la ricchezza e profondità delle riflessioni del Papa sul tema dell'ambiente; la Terra è in crisi, a causa dell'uomo che si è posto nei confronti della Natura come dominatore e padrone, anziché come persona di saggezza ed umiltà, pronta a costruire una civiltà dell'amore e di rispetto di tutte le creature.

La terra, dunque, come casa comune, e l'uomo come custode della creazione, per far sì che nessuno ne abusi o la distrugga.

Infine, è intervenuto Paolo Foglizzo, della Redazione di Aggiornamenti sociali: egli ha proposto la lettura di alcuni brani del documento di Papa Francesco, per sottolineare la dimensione sociale dell'ecologia contenuta nell'enciclica (".... combattere la povertà, restituire dignità agli esclusi, prendersi cura della natura...."); per evidenziare le indicazioni del Papa sulle piccole azioni da compiere quotidianamente per avere cura dell'ambiente ("...evitare l'uso di materiale plastico o di carta, ridurre il consumo di acqua, differenziare i rifiuti, cucinare solo quanto ragionevolmente si potrà mangiare, trattare con cura tutti gli esseri viventi, utilizzare il trasporto pubblico o condividere un medesimo veicolo con altre persone, piantare alberi, spegnere le luci inutili..."); per sottolineare la necessità che la Chiesa dialoghi con tutti, specie i più deboli, perché tutti possano far sentire la propria voce; per indicare il modello proposto da Papa Francesco quale esempio di "ecologia integrale": San Francesco d'Assisi, per il quale "qualsiasi creatura era una sorella, unita a lui con vincoli di affetto".

"...Solo accostandoci alla natura con apertura allo stupore e alla meraviglia, utilizzando il linguaggio della fraternità, riusciremo a sentirci intimamente uniti a tutto ciò che esiste, senza comportarci da dominatori e sfruttatori delle risorse e delle persone e senza porre davanti a sé solamente il tornaconto individuale..."; occorre combattere gli scandali e la corruzione, occorre tenerezza, compassione, preoccupazione, occorre mettersi in gioco con tutte le proprie capacità, risorse e competenze intellettuali e professionali, affettive e spirituali; occorre ascoltare il grido della terra e dei poveri, per imparare a prendersene cura...".

"Per quale fine siamo venuti in questa vita, per quale scopo lottiamo?" si chiede il Papa; è anche attraverso il riposo che l'uomo può trovare degli spazi per far emergere queste domande e cercare di dare delle risposte.

            

30 Giugno 2015

Creato l'orto – frutteto San Sisto in Agris

Gli interventi per la realizzazione dell'Orto-frutteto di San Sisto in Agris sono stati effettuati nell'ambito del progetto selezionato dalla Fondazione della Comunità Bergamasca, con riferimento al 9° Bando 2014, per "interventi mirati alla tutela e valorizzazione ambientale del territorio".

Il complesso di San Sisto in Agris è stato recentemente restaurato e aperto al pubblico: la chiesa ha ripreso le celebrazioni religiose al servizio della comunità di Colognola e della città, la ex-canonica è diventata Ostello per la gioventù.

Lo scopo è stato quello di “ricostruire” il paesaggio rurale qui esistente ed ora scomparso.

E' stato, quindi, previsto un vasto prato in tutte le aree che circondano il complesso; si è provveduto alla piantumazione di alberi da frutto per la creazione di un frutteto (mele, pere, fichi, susine, cachi, melograni, nespole), di altri alberi, quali gelsi e farnia, distribuiti nei prati, di un filare di carpini lungo la scarpata della SS671, di uva fragola per il pergolato, di un filare di gelsi lungo il breve tratto dell'antica Via di San Sisto.

Sono state, poi, piantumate varie erbe aromatiche (salvia, timo, rosmarino, lavanda, menta, citronella, ruta) e sono stati messi a dimora vari arbusti, per la creazione di una siepe a mascheratura dell'isola ecologica.

Inoltre è stato creato un orto (anche con funzione didattica), nel quale vengono coltivati vari tipi di ortaggi.

Lungo il camminamento in pietrischetto sono state posizionate alcune panchine in legno, e c'è pure una "vedovella" in ghisa.

Nell'area antistante il sagrato della chiesa hanno trovato posto un roseto accanto alla fontana e un espositore in legno, destinato a pubblicizzare le celebrazioni religiose effettuate nella chiesetta, nonché le attività culturali che l'Ostello andrà ad organizzare e indirizzate agli ospiti e alla comunità.                                                                                                                                                   

Sono previsti anche incontri tematici a carattere didattico sulle piante in genere e indirizzati alle scuole del territorio.

 

13 Giugno 2015

Ospite inatteso

Qualche giorno fa è stata una giornata emozionante ed anche un po’ movimentata, perché in Ostello abbiamo accolto un ospite che abitualmente non soggiorna negli ostelli: un uccellino è caduto dal suo nido (posto sulle travi del portico della corte) con una zampetta impigliata nelle pagliuzze utilizzate per la costruzione del nido e non riusciva a volare.

E’ stato necessario un intervento di “alta chirurgia” per liberargli la zampetta dalle pagliuzze ……………. ed ha incominciato a svolazzare.

Dopo qualche ora aveva fortunatamente trovato la sua strada, ma ci ha lasciato un bel ricordo.

Era talmente contento, che si è pure messo in posa, prima di partire ………

Guardate anche voi!

 

11 Aprile 2015

Bella primavera in Agris

E' ufficialmente partita Sabato 11 Aprile 2015 la realizzazione dell'orto - frutteto, previsto nel giardino circostante l'Ostello, con la festa per la piantumazione degli alberi.

Il progetto è finanziato dalla Fondazione della Comunità Bergamasca Onlus, mediante un bando del 2014, relativo a progetti di area ambientale nello spirito di EXPO 2015.

Si fa riferimento a "interventi mirati alla tutela e alla valorizzazione ambientale del territorio, con particolare attenzione alla sostenibilità ambientale nello spirito e con riferimento ai temi di Expo 2015" e uno dei suoi obiettivi è la tutela del patrimonio ambientale bergamasco.

In questo contesto, si colloca, dunque, la realizzazione dell'orto - frutteto di San Sisto in Agris.

Con la partecipazione attiva di un gruppo di bambini, accompagnati dalle loro catechiste e da alcuni genitori, lungo il breve tratto di Via San Sisto rimasto vicino all'Ostello, sono stati messi a dimora 6 gelsi, per ricreare l'ambiente del luogo come era prima della realizzazione della Circonvallazione Paltriniano.

Sono stati, inoltre, piantumati alcuni alberi da frutto (melo, pero, caco, fico, susino) e si è dato l'avvio alla creazione di un orto, iniziando ad interrare varie piante aromatiche (salvia, rosmarino, lavanda).

Successivamente sono state aggiunte altre piante: vite, gelsomini, nespolo, farnia, e, nell'orto, pomodori e melanzane.

I bambini hanno anche prodotto tanti bei disegni sul tema della creazione, con alberi, animali, pesci, uccelli, stelle ............

Al termine della fatica, l'Ostello ha offerto uno spuntino a base di panini, bocconcini di pizza e focaccia al rosmarino.

        

 

        

 

        

 

 

26 Marzo 2015

Progetto orto - frutteto

E' quasi pronto a partire il progetto per l'orto - frutteto, di cui si è data notizia nel corso della Presentazione alla Comunità dell'intervento di restauro del complesso di San Sisto in Agris, lo scorso 22.11.2014.

Il progetto tiene conto del fatto che San Sisto in Agris era un tempo incastonato nel paesaggio agrario, caratterizzato da cascina, campi coltivati, orti, gelsi, viti e frutteti.

Ora si propone di ricostruire il paesaggio rurale perduto, con l'inserimento di un filare di gelsi ad ornare la vecchia Via San Sisto, e la creazione di un orto - frutteto, con alberi da frutto, piante officinali e ortaggi tipici.

Il progetto va, dunque, nella direzione di tutelare e valorizzare l'ambiente, come indicato anche nei temi di EXPO 2015.

 

Per l'inizio dei lavori di sistemazione è in programma "la festa di primavera per la piantumazione", prevista Sabato 11 Aprile 2015, alle ore 10 e 30 presso San Sisto Hostel, con la partecipazione dei ragazzi dell'Oratorio.

A seguire un breve rinfresco offerto da San Sisto Hostel.

 

 

16 Marzo 2015

Folklore sardo all'Ostello

Salutiamo il "Gruppo Folk città di Assemini" che è stato, in versione ridotta, nostro ospite nelle giornate di Sabato 14 e Domenica 15 Marzo; auspichiamo che questo sia l'inizio di una collaborazione, per far conoscere e valorizzare, nella bergamasca e non solo, le tradizioni popolari.

Il Gruppo, fondato nel 1936, conta una quarantina di componenti, che si esibiscono in Festival e manifestazioni per il mantenimento delle tradizioni popolari e la diffusione nel mondo della cultura sarda.

A Bergamo il Gruppo si è esibito Sabato pomeriggio, 14 Marzo, in Piazza Vecchia, insieme al "Gruppo Folcloristico I Gioppini" di Bergamo, nell'ambito delle manifestazioni organizzate dal Ducato di Piazza Pontida per la sfilata di Mezza Quaresima 2015.

 

   

 

 

 

16 Marzo 2015

Il calcio giovanile sbarca all'Ostello

Dopo aver visto passare diversi giocatori, anche coreani, venuti a Bergamo per provini all'Atalanta, oggi salutiamo anche i Giovanissimi 2001 dell'A.S.D. Urbetevere Calcio di Alessandro Brunelli, che in questo fine settimana di Marzo ci hanno portato una ventata di gioventù; i ragazzi, in trasferta a Bergamo per un'amichevole con l'Atalanta pari età nella mattinata di Domenica 15 Marzo, hanno soggiornato nella nostra struttura nella serata di Sabato 14 Marzo, insieme con l'Allenatore, i Preparatori e il Responsabile del Settore giovanile.

Eccoli al loro arrivo all'Ostello

Per la cronaca: Atalanta - Urbetevere 2001: 0 - 6